Tribunale fallimentare di Perugia, l’inchiesta si allarga

Nel mirino dei pm fiorentini 8 anni di incarichi | Sentite già decine di professionisti

Si allarga l’inchiesta condotta dalla Procura di Firenze sui presunti illeciti compiuti al Tribunale fallimentare di Perugia. Un’inchiesta che vede tra gli indagati anche il presidente della sezione fallimentare del tribunale civile di Perugia, Umberto Rana, due commercialisti, un consulente del lavoro e un avvocato.

L’indagine sarebbe partita da un filone dell’inchiesta, condotta sempre dalla Procura fiorentina, sull’attività della pm Duchini nell’ambito delle vicende che hanno coinvolto la famiglia Colaiacovo.


Inchiesta di Firenze, indagati Duchini e Colaiacovo


In particolare, secondo quanto si è appreso, i pm starebbero verificando le spese per il concordato della Fc Gold.Ma nel mirino dei pm fiorentini ci sarebbero almeno 8 anni di attività del Tribunale fallimentare di Perugia e del presidente Rana, da una procedura del 2012 sino ad una risalente allo scorso luglio.

Secondo la Procura fiorentina ci sarebbero state irregolarità nell’affidamento di procedure concorsuali a professionisti, in violazione del principio di rotazione degli incarichi. Inoltre, alcuni provvedimenti sarebbero stati preventivamente concordati con alcuni dei professionisti interessati. Da qui l’inchiesta per corruzione in atti giudiziari.

Numeroso il materiale sequestrato negli uffici ed anche nelle abitazioni degli indagati. Così come decine sono stati i professionisti ascoltati dagli inquirenti in soli due giorni, per un’inchiesta che quindi sembra destinata ad allargarsi.

rif: https://tuttoggi.info/tribunale-fallimentare-di-perugia-linchiesta-si-allarga/539579/

Perugia, noto giudice fallimentare viene indagato per corruzione

E’ questa l’ipotesi di reato al centro di una nuova indagine che parte dalla Procura di Firenze. Tra le prove anche le memorie dei computer

PERUGIA – Concorso in corruzione in atti giudiziari. E’ questa l’ipotesi di reato al centro di una nuova indagine che parte dalla Procura di Firenze e arriva a toccare la giustizia perugina, già finita al centro dell’inchiesta scandalo che ha coinvolto l’ex procuratore aggiunto, Antonella Duchini. Giovedì mattina, militari della sezione di polizia giudiziaria fiorentina, su delega del procuratore aggiunto toscano, Luca Turco e del sostituto, Leopoldo De Gregorio, hanno perquisito l’ufficio del presidente della sezione fallimentare del tribunale civile di Perugia, Umberto Rana. Secondo quanto si apprende, il giudice è stato iscritto nel registro degli indagati perché i magistrarti fiorentini ipotizzano irregolarità nell’affidamento degli incarichi ad alcuni professionisti e nell’assunzione di alcuni provvedimenti. Insieme a lui, un avviso di garanzia è stato notificato anche all’avvocato Pier Francesco Valdina, e ai commercialisti Patrizio Caponeri, Corrado Maggesi e Andrea Barbieri.

Professionisti Alcuni dei professionisti indagati hanno avuto un ruolo anche nel fallimento della “Colaiacovo Gold”, questione già al centro dell’inchiesta sull’ex procuratore aggiunto di Perugia, Antonella Duchini. Oltre al presidente della sezione fallimentare di Perugia, Umberto Rana, che due anni fa venne accoltellato da un imprenditore di Spello quando salvò la collega, Francesca Altrui, aggredita nel suo ufficio, sono state eseguite anche altre perquisizioni. I militari della sezione di polizia giudiziaria della Procura di Firenze hanno copiato memorie di computer, cellulari e hanno sequestrato documentazione utile al prosieguo dell’indagine.Ricevuto Stando a quanto emerge, il giudice Rana è accusato di aver ricevuto utilità “per sé e per gli altri” in cambio delle nomine dei consulenti indagati – compiendo atti contrari ai doveri d’ufficio – nell’ambito di procedure fallimentari, segnalate dagli stessi professionisti e comunque in violazione del principio di rotazione. L’accusa ipotizza inoltre l’adozione di provvedimenti concordati in precedenza con gli stessi professionisti. I cinque, ma gli indagati sarebbero oltre una decina e alcuni sarebbero stati già sentiti, sono accusati, a vario titolo, in concorso, di corruzione e corruzione in atti giudiziari.

Inchiesta per corruzione, indagato il presidente del Tribunale fallimentare di Perugia

Nel registro degli indagati, insieme a Rana, due commercialisti, un consulente del lavoro e un avvocato

a Procura di Firenze indagata su presunti illeciti compiuti al Tribunale fallimentare di Perugia. Iscritto nel registro degli indagati il presidente della sezione fallimentare del tribunale civile di Perugia, Umberto Rana, due commercialisti, un consulente del lavoro e un avvocato.

Per conto dei magistrati fiorentini sono state compiute perquisizioni, sequestrati fascicoli ed il contenuto di computer e telefonini.

Secondo la Procura fiorentina ci sarebbero state irregolarità nell’affidamento di procedure concorsuali a professionisti, in violazione del principio di rotazione degli incarichi. Inoltre, alcuni provvedimenti sarebbero stati preventivamente concordati con alcuni dei professionisti interessati.

Da qui l’inchiesta per corruzione in atti giudiziari. Un’inchiesta che sembra comunque destinata ad allargarsi per verificare se i presunti illeciti si possano ipotizzare anche a favore di altre procedure, coinvolgendo altri professionisti oltre a quelli già indagati.

rif:https://tuttoggi.info/inchiesta-per-corruzione-indagato-il-presidente-del-tribunale-fallimentare-di-perugia/539330/

Indagato dalla Procura di Firenze il presidente del Tribunale fallimentare: sospetti su incarichi

Indagato dalla Procura di Firenze il presidente del Tribunale fallimentare: sospetti su incarichi

La Procura di Firenze ha iscritto nel registro degli indagati il giudice Umberto Rana, presidente della sezione fallimentare del Tribunale Civile di Perugia. L’accusa è quella di corruzione in atti giudiziari. Oltre al magistrato perugino, la Procura fiorentina sta indagando anche su altri professionisti:  un avvocato, due commercialisti e un consulente del lavoro. 

Nella giornata di ieri sono state effettuate perquisizioni sia al Tribunale Civile che in diversi studi e abitazioni a Perugia da parte degli agenti di Polizia Giudiziaria della Procura di Firenze. Sequestrati fascicoli e copiati dati da computer e telefonini. Secondo le accuse – ancora tutte da provare – il giudice Rana  avrebbe ricevuto “utilità per sé e per gli altri”  a riguardo di alcune nomine dei consulenti nell’ambito delle procedure fallimentari “in violazione anche al principio di rotazione” per gli incarichi. 

L’indagine fiorentina non riguardere solo il magistrato Rana e i 4 professionisti. Si parla, ma non ci sono certezze sui nomi, di almeno una decina il numero delle persone coinvolte e prossime o già iscritte al registro degli indagati. Le accuse variano da corruzione a corruzioni in atti giudiziari. 

L’avviso di garanzia va ribadito non è certo sinonimo di condanna ma è soltanto una informazione rivolta ai diretti interessati avvisati che si sta indagando su di loro. Sia il magistrato che i professionisti – fino ad oggi mai toccati da sospetti e inchieste – insieme ai loro pool di avvocati potranno dimostrare, nelle sedi giudiziare, la propria estraneità ai fatti. L’inchiesta si trova ancora nelle fasi iniziali e dovrà passare al vaglio del Tribunale di Firenze per verificare se ci sono gli elementi per un processo o per una archiviazione immediata. Come detto è ancora tutto da provare. “

Rif: https://www.perugiatoday.it/cronaca/procura-firenze-indagine-consulenze-fallimenti-perugia-tribunale-indagati.html


Corruzione, indagato anche il giudice eroe, Umberto Rana

La Procura di Firenze ha iscritto il giudice Umberto Rana, presidente della Sezione fallimentare del tribunale, nel registro degli indagati assieme ad un avvocato e tre commercialisti per corruzione in atti giudiziari in concorso. E riportato oggi dalla stampa locale. Dopo il caso Duchini, con l’ex procuratore aggiunto accusata di corruzione, rivelazione di notizie e abuso d’ufficio.

Il giudice Rana che due anni fa salvò dalle coltellate di un imprenditore la collega Francesca Altrui, deve rispondere dell’accusa di corruzione in atti giudiziari in concorso con altri. Un nuovo troncone di indagine, nato da una segnalazione in relazione alla vicenda del fallimento della Gold di Franco e Giuseppe Colaiacovo, vicenda al centro del caso Duchini.

Il blitz dei carabinieri della sezione di polizia giudiziaria di Firenze e della guardia di finanza è scattato ieri mattina. I militari si sono presentati nell’ufficio del giudice, alla sede civile del tribunale in piazza Matteotti. Hanno sequestrato documenti e materiale elettronico (cellulari, computer e tablet). Nel complesso sarebbero una quindicina le persone che hanno subito perquisizioni.

I quattro professionisti indagati – secondo quanto ipotizzato dai pm fiorentini – sarebbero stati «incaricati – è scritto nell’atto di notifica – dal collegio fallimentare del tribunale di Perugia, presieduto dal magistrato suddetto nell’ambito di procedure fallimentari e di concordato preventivo pendenti presso tale ufficio giudiziario ed anche procedure concorsuali diverse, professionisti dei debitori presentatori delle domande di concordato preventivo». Indagati, sempre secondo i magistrati fiorentini, «in relazione alla ricezione da parte di Rana di utilità per sé e per gli altri per il compimento di atti contrari ai doveri d’ufficio quali le nomine dei predetti professionisti nell’ambito di procedure concorsuali oggetto di segnalazione da parte degli stessi e comunque in violazione del principio di rotazione degli incarichi e l’adozione di provvedimenti previamente concordati con i professionisti interessati».

Giudice indagato per corruzione, sentiti commercialisti e consulenti

Persone informate sui fatti. Professionisti, commercialisti per la maggior parte, ma anche consulenti del lavoro. Tutti coloro che potrebbero essersi visti non assegnare un incarico in una qualche procedura fallimentare affidata al collegio presieduto dal giudice, Umberto Rana, raggiunto giovedì da un avviso di garanzia emesso dalla Procura di Firenze. 
Il presidente della sezione fallimentare del tribunale civile di Perugia, noto alle cronache per aver salvato la collega, Francesca Altrui da un imprenditore che l’ha accoltellata, è stato iscritto nel registro degli indagati, insieme ad altri quattro professionisti per concorso in corruzione in atti giudiziari, corruzione e un tentativo di induzione indebita. Oltre Rana, difeso dall’avvocato fiorentino, Francesco Maresca, sono indagati l’avvocato Pierfrancesco Valdina, e i commercialisti, Patrizio Caponeri, Andrea Barbieri e Corrado Maggesi.

Rif: https://www.umbriajournal.com/cronaca/corruzione-indagato-anche-il-giudice-eroe-umberto-rana-333812/