Corruzione. Caso Saguto, chiesti 15 anni e 10 mesi per ex giudice

“Nell’arco temporale in cui è stata presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, non c’è stato un giorno in cui non ha compito almeno un illecito disciplinare”, aveva sottolineato il pg di Cassazione Mario Fresa. Chieste condanne anche per il marito e il figlio

Una condanna a 15 anni e dieci mesi. Questa la richiesta di pena avanzata dalla Procura di Caltanissetta nei confronti dell’ex presidente della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, Silvana Saguto, accusata di essere al centro di un sistema corrotto che avrebbe gestito in maniera illecita i beni sequestrati alla mafia. Per il marito di Saguto, Lorenzo Caramma, i magistrati nisseni hanno chiesto nove anni e dieci mesi, mentre per il figlio, Lorenzo Caramma, sei mesi. Una richiesta di pena a 12 anni e tre mesi è stata formulata per l’avvocato Gaetano Cappellano Seminara, amministratore giudiziario. Per gli altri amministratori giudiziari, Walter Virga e Nicola Santangelo, richiesti rispettivamente due e dieci anni e undici mesi di reclusione, mentre per il docente universitario Carmelo Provenzano l’accusa ha chiesto undici anni e dieci mesi. Per un altro docente universitario, Roberto Di Maria, l’accusa ha chiesto quattro anni e quattro mesi, mentre per Maria Ingrao cinque anni. Tra gli imputati anche Calogera Manta, per cui i pm hanno chiesto quattro anni e sei mesi, e il colonnello della Dia Rosolino Nasca: per quest’ultimo la Procura di Caltanissetta ha formulato una richiesta di pena pari a otto anni e un mese. Nell’elenco degli imputati anche l’ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo: per lei sono stati chiesti sei anni. La richiesta di pena per l’ex giudice della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, Lorenzo Chiaramonte, è stata di due anni e mezzo. I pm, infine, hanno chiesto l’assoluzione per Vittorio Saguto, padre di Silvana, e per Aulo Gigante. Il ‘sistema Saguto’, i tentacoli sui beni sequestrati “Un sistema perverso e tentacolare creato dalla dottoressa Saguto che ha sfruttato e mortificato il suo ruolo di magistrato”. Parole durissime pronunciate in avvio di requisitoria, lo scorso gennaio, dalla procura di Caltanissetta che oggi ha chiesto una pesante condanna – 15 anni e 10 mesi – per l’ex presidente della Sezione misure di prevenzione dei tribunale di Palermo, Silvana Saguto. Dure le richieste anche per i coimputati. “Do ut des”, fuori dalla magistratura Il 29 marzo del 2018 era stata radiata dalla magistratura su decisione della sezione disciplinare del Csm, che aveva inflitto la massima sanzione, quella della rimozione dall’ordine giudiziario. “Sono di “un’immensa gravità” le “condotte quotidiane” di Silvana Saguto: “Nell’arco temporale in cui è stata presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, non c’è stato un giorno in cui non ha compito almeno un illecito disciplinare”, aveva sottolineato il pg di Cassazione Mario Fresa, “ha violato i doveri di correttezza, diligenza, riserbo ed equilibrio: la giustizia è stata soffocata da interessi personali che sono stati l’unica spinta motrice, in una perversa logica di ‘do ut des'”. La sezione misure di prevenzione “era – ha detto Fresa – un ufficio di collocamento per incarichi d’oro”. Modello familistico e clientelare  Magistrati, amministratori giudiziari, professionisti. Tutti tasselli di un vasto e consolidato “sistema”, che ha dato corpo a un “modello criminoso, familistico e clientelare di gestione”, come l’aveva definito la Procura di Caltanissetta quando il 20 ottobre 2016 dispose il sequestro di beni per circa 900 mila euro a carico di Silvana Saguto e di alcuni amministratori giudiziari. Allora si chiuse in modo clamoroso e quasi paradossale il primo cerchio di questa complessa indagine: un sequestro di beni a chi gestiva la macchina delle confische. Saguto, il marito Lorenzo Caramma, l’avvocato Gaetano Cappellano Seminara, ex re degli amministratori giudiziari, furono i primi tre nomi inseriti nell’avviso di conclusione delle indagini per reati che vanno dall’associazione per delinquere, alla corruzione all’abuso d’ufficio, passando per il falso, la truffa e il peculato. Settantanove i capi di imputazione. Colletti neri Il gruppo di magistrati, avvocati, amministratori giudiziari e investigatori avrebbe gestito in maniera privatistica e con una serie di favoritismi i beni sequestrati e confiscati a  Palermo, citta’ in cui si registra il numero massimo in Italia di questo tipo di provvedimenti. Sono stati redatti, avevano spiegato i magistrati, oltre centotrenta verbali di assunzioni di informazioni da persone informate sui fatti; compiute decine di mirate acquisizioni documentali, presso diversi uffici giudiziari siciliani, presso le università di Palermo e di Enna, presso la prefettura di Palermo e il Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Sicilia. La “margherita” del giudice Analizzati gli atti di oltre cinquanta procedure di prevenzione, spesso con i relativi provvedimenti di liquidazione, secondo, hanno spiegato i magistrati, “un andamento a spirale e un metodo di riscontri progressivi tra esiti delle attività di intercettazione, analisi della documentazione acquisita ed esame delle persone informate sui fatti che ha consentito di tessere strettamente insieme gli elementi raccolti, di farli dialogare con ordine, di dare corpo al ‘sistema'”. Come descritto da un amministratore giudiziario – persona lesa del delitto di concussione, Silvana Saguto “intratteneva rapporti esclusivi con le persone che le interessavano”, secondo un modulo “a margherita, ossia senza vi fosse alcuna interferenza tra i rapporti che facevano capo a lei”, rapporti che la vedevano al centro, e da cui si dipartivano “petali” e “raggi”, non comunicanti tra loro, rappresentati da professionisti, amministratori giudiziari, colleghi, cancellieri, ufficiali di polizia giudiziaria, rappresentanti del mondo universitario e giornalisti, “dai quali traeva vantaggi e utilità di varia natura”. Gli indagati “erano riusciti a strutturare l’attività della Sezione Misure di prevenzione e la gestione dei patrimoni in sequestro secondo modelli organizzativi criminosi, e a creare un sistema di arricchimento illecito improntato a criteri familistici e clientelari”.

Rif: https://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/corruzione-caso-saguto-chiesti-15-anni-e-10-mesi-per-ex-giudice-ad41098f-2ed4-4415-8e75-0178e5cf1e71.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *