Trani, magistrati arrestati: anche Nardi pronto a dire la sua verità

TRANI – Dopo l’ex pm di Trani Antonio Savasta, anche l’ex gip Michele Nardi racconterà presto per la prima volta la sua verità sull’inchiesta della Procura di Lecce sul cosiddetto «sistema Trani» che lo vede in carcere dal gennaio scorso con l’accusa di concorso in associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari oltre che, a vario titolo, di minacce, millantato credito, estorsione e truffa aggravata con lo stesso Savasta. É stato lo stesso Nardi, dopo mesi di silenzio, ad annunciarlo nel corso dell’udienza preliminare davanti al gup di Lecce Cinzia Vergine a carico di 10 indagati. Con i due magistrati è imputato anche il giudice Luigi Scimè, accusato di corruzione in atti giudiziari. L’ascolto di Nardi dovrebbe avvenire nella prossima udienza del 13 settembre. Nardi e Savasta furono arrestati nel gennaio scorso insieme con l’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro. L’accusa è di avere pilotato sentenze e inchieste in cambio di mazzette quando erano in servizio a Trani.

Oggi hanno chiesto di essere ammessi al rito abbreviato l’ex Pm Antonio Savasta, che è stato il primo a collaborare ammettendo responsabilità e si è dimesso dalla magistratura, dal giudice Luigi Scimé e dagli avvocati Ruggiero Sfrecola e Giacomo Ragno, e dall’immobiliarista Luigi D’Agostino. L’avvocatessa barese Simona Cuomo ha chiesto di essere esaminata venerdì, per poi decidere se ricorrere o meno al rito abbreviato. Sono imputati anche Gianluigi Patruno, titolare di una palestra, Vincenzo Di Chiaro (ispettore di polizia di Corato ancora in carcere) e Savino Zagaria ex cognato di Savasta. 
Oggi sono state anche presentate 14 richieste di costituzioni di parte civile, tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Il Ministero della Giustizia, l’Ordine degli avvocati di Trani, gli imprenditori coratini Paolo Tarantini e Flavio D’Introno (quest’ultimo limitatamente alle posizioni di Michele Nardi e Gianluigi Patruno). D’Introno, che con le sue dichiarazioni ha dato il via all’inchiesta giudiziaria, resta indagato, ma la sua posizione é stata stralciata dalla Procura di Lecce, così come quella del carabiniere Martino Marangia

Rif:https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/bat/1171803/trani-magistrati-arrestati-anche-nardi-pronto-a-dire-la-sua-verita.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *