Libero: Caso Palamara, anche Gianluigi Morlini e Paolo Criscuoli si autosospendono: “È caccia alle streghe”

Il caso Palamara miete altre vittime. Anche Gianluigi Morlini di Unicost e Paolo Criscuoli di Magistratura indipendente si sono autosospesi. Il primo è il presidente della V commissione che decide gli incarichi direttivi, il secondo è componente della I e VI commissione. Entrambi erano presenti agli incontri di Roma durante i quali, con i parlamentari del Pd Cosimo Ferri e Luca Lotti, si discuteva delle nomine per il procuratore di Roma che avrebbero poi determinato la scelta di altri magistrati per almeno cinque procure di tutta Italia. 

Luca Palamara

rif: https://www.liberoquotidiano.it/news/italia/13469773/luca-palamara-csm-magistratura-gianluigi-morlini-paolo-criscuoli-autosospensione-caccia-alle-styreghe.html

Corriere: Le trame di Palamara contro Ermini. Lotito in campo per difendere persone a lui vicine

Le trame di Palamara contro Ermini. Lotito in campo per difendere persone a lui vicine

Le critiche al numero 2 del Csm per non essere allineato. Lotti si difende: «Cenare con me non è un reato»

rif. https://www.corriere.it/cronache/19_giugno_05/trame-palamara-contro-ermini-lotito-campo-difendere-persone-lui-vicine-9ef88bd0-87d0-11e9-b851-9738da749704.shtml?refresh_ce-cp

Repubblica: Caso Palamara, l’Anm: “Insufficienti le autosospensioni, via tutti i giudici coinvolti”

Caso Palamara, l'Anm: "Insufficienti le autosospensioni, via tutti i giudici coinvolti"

Il parlamentino dell’associazione nazionale dei magistrati ha ascoltato l’appello del presidente Grasso. Interviene il premier Conte: “Indipendenza e garanzia per la magistratura”. Roberti: “Il Pd condanni i propri esponenti”. Zingaretti: “Ora massima chiarezza e indagini rapide”

Rif. https://www.repubblica.it/cronaca/2019/06/05/news/palamara_reazioni_grasso-228017390/

Roberto Rossi – Scheda

Image result for roberto rossi procuratore

Ma vediamo chi è Rossi Roberto attualmente Capo Procuratore del Tribunale di Arezzo. Formatosi nelle procure di Perugia e poi di Mantova, balzò qualche anno fa alle cronache per il suo scontro con l’allora capo della procura di Siena. Scontro dovuto alla conduzione dell’ufficio giudiziario. Ad Arezzo, una sede fino ad allora piuttosto sonnecchiosa, si mette in luce per inchieste di rilievo nazionale. Tra queste la cosiddetta indagine “Variantopoli”. Rossi coordinò l’indagine su presunti illeciti nella gestione urbanistica nel Comune di Arezzo dal 2000 al 2005. L’inchiesta portò all’arresto di tre consiglieri comunali per reati di concussione, abuso di ufficio e corruzione: L’indagine si estese anche al sindaco e coinvolse alcuni imprenditori (tra cui il presidente dell’Arezzo in quegli anni), e coinvolse l’allora responsabile regionale di Forza Italia già sottosegretario del governo Berlusconi. Gli imputati sono stati tutti condannati in primo grado, sentenze confermate in appello ed in Cassazione, salvo alcune prescrizioni. 

Un altro episodio significativo è stato l’arresto di Nadia Desdemona Lioce. La brigatista che insieme al complice Mario Galesi, morto la sera stessa dell’agguato, è stata protagonista del sanguinoso conflitto a fuoco sul treno Roma-Firenze, nel quale è rimasto ucciso l’agente delle Polizia Ferroviaria Emanuele Petri.

Rossi condusse l’indagine su Eutelia S.p.A., all’epoca il quarto gestore nazionale di telefonia per volume di affari.

E ancora: l’indagine per evasione, reati fiscali e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte a carico di Licio Gelli e dei suoi familiari, che hanno condotto la procura di Arezzo a predisporre il sequestro preventivo di villa Wanda, porta la sua firma. Un processo che si concluse prescrizione e il dissequestro della villa.

Di recente, si trovò anche al centro di una querelle politica: la sua indagine – a poche settimane dal voto amministrativo – nei confronti di un assessore alla cultura del comune di Arezzo a detta di molti, ha consegnato – si fa per dire – alla destra il comune toscano, considerato un feudo della Boschi.

Certo e’ presente il nodo del conflitto di interesse dato dalla sua “consulenza” per il Palazzo Chigi.

Gli si imputa anche di aver sollecitato lui stesso la consulenza dopo la scadenza del primo incarico.

E poi, qui sta il nocciolo, lo si accusa di non aver indagato il padre della Boschi dopo i rilievi mossi dalla Banca di Italia.

Luca Palamara – Scheda

Luca Palamara nasce a Roma il 22.04.1969.

Si laurea in Giurisprudenza nel 1991 con la votazione di 110 e lode, conseguita presso l’Università degli Studi di Roma ” La Sapienza”.

Nel 1996 fa il suo ingresso in Magistratura con la qualifica di uditore giudiziario.

Nel 1997 è nominato Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, dove si è tra l’altro occupato di reati contro la pubblica amministrazione e di procedimenti di competenza della direzione distrettuale antimafia.

Nel 2002 è nominato Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma dove si occupa di rilevanti indagini tra cui Calciopoli e il caso “Moro”.

Nel 2008 viene nominato Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, di cui era già stato segretario generale. Durante tale periodo numerose sono state le partecipazioni a dibattiti e convegni in materia di giustizia, intrattenendo altresì rapporti istituzionali con le alte cariche dello Stato.

E’ autore delle seguenti pubblicazioni: Manuale di diritto penale, parte speciale, casa editrice Concorsi x tutti, 1995; Manuale sulla tutela della privacy e sulla tutela dell’accesso nelle istituzioni scolastiche, 2006; La responsabilità penale del pubblico dipendente, EPC Libri, 2007; Un progetto per la giustizia, editore Ipsoa, a cura di Luca Palamara, 2008; Cento anni di associazione magistrati, editore Ipsoa, a cura di Edmondo Bruti Liberati e Luca Palamara, 2009; Le cinque responsabilità del pubblico dipendente, editore Giuffrè, di Vito Tenore, Luca Palamara, 2009; Autoriforma, organizzazione, responsabilità, editore Ipsoa, a cura di Luca Palamara, 2011; Le sanzioni amministrative, AA.VV., 2011.

Dal 2014 è membro togato del Consiglio Superiore della Magistratura.

da https://www.csm.it/web/palamara/scheda-consigliere)