Cosa è successo a Bibbiano, sesto capitolo: il business degli affidi e il conflitto di interessi

Gli affidi muovono un giro d’affari poco trasparente, compreso tra 1 e 2 miliardi di euro l’anno. In Italia ci sono 1800 strutture, un numero anomalo rispetto ad altri Paesi come Germania o Francia

Nel caso di Bibbiano le relazioni tecniche dei terapeuti avrebbero ingannato Procura e tribunale per i minori. Ma non è chiaro se e quanto situazioni simili possano nascondersi in Italia, dato il conflitto di interessi strutturale di molti operatori del settore. Quello reggiano, per dimensioni e tipo di indagine, sembra il primo caso giudiziario del genere.

Negli anni però, diverse inchieste giornalistiche hanno posto l’accento sui tecnici e i «giudici onorari» che decidono sui minori da sottrarre alle famiglie in casi di violenza. Questi tipi di giudici non sono magistrati professionisti, ma educatori, psicologi, sociologi e avvocati, adattati al ruolo.

Rif:https://www.open.online/2019/07/23/cosa-e-successo-davvero-a-bibbiano-sesto-capitolo-il-business-degli-affidi-e-il-conflitto-di-interessi/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *