Corruzione e falso. Chiesto il rinvio a giudizio per il procuratore Eugenio Facciolla

La procura di Salerno ha chiesto il processo per il procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla, indagato insieme due carabinieri, un poliziotto e il titolare della società “Stm”, già coinvolta nell’inchiesta sul software “Exodus” e sulle intercettazioni abusive

CASTROVILLARI (CS) – Corruzione in atti d’ufficio e falsità ideologica. Sono queste le ipotesi d’accuse per le quali il Procuratore vicario di Salerno Luca Masini e il pm Vincenzo Senatore hanno chiesto il rinvio a giudizio per 56enne magistrato di Castrovillari Eugenio Facciolla e altre quattro persone. Si tratta del carabiniere della forestale Alessandro Vincenzo Nota, 35 anni di Cosenza, il maresciallo dei Carabinieri forestali Carmine Greco, 53 anni di Camigliatello Silano, il poliziotto Vito Tignanelli, 50 anni di Pietrafitta e la moglie Maria Aquino, 57 anni di Pitrafitta e titolare della società Stm, coinvolta nell’inchiesta condotta dalle Procure di Napoli e Roma sull’affare del software Exodus e sulle intercettazioni abusive.

Ingiusto vantaggio patrimoniale alla Stm

Secondo l’accusa il procuratore Facciolla avrebbe affidato alla Stm il noleggio di alcune apparecchiature per le intercettazioni e procurato “un ingiusto vantaggio patrimoniale alla Stm. In cambio avrebbe ottenuto il servizio di videosorveglianza della propria abitazione. In particolare “il servizio di videosorveglianza sarebbe stato attivato nella primavera del 2017 dalla Stm su espressa indicazione di Marisa Aquino in assenza di contratto o di documentazione idonea ad attestare la fornitura con l’installazione di due videocamere che inquadravano il parcheggio antistante e l’ingresso dell’abitazione del Magistrato a Cosenza e la contestuale installazione di un ponte radio per la trasmissione delle immagini remotizzate su un server posizionato presso la sede della società a Pietrafitta“. Per l’esercizio dei suoi poteri, inoltre, Facciolla avrebbe procurato un ingiunto vantaggio alla Stm anche per le violazioni del codice della strada. Quando un mezzo della società riceveva una multa, secondo la Procura di Salerno Facciolla “attestava l’improcrastinabilità dello svolgimento dell’attività d’indagine, allegando ai verbali di contestazione le sue giustificazioni“.

Rif:https://www.quicosenza.it/news/provincia-cosenza/317953-corruzione-e-falso-chiesto-il-rinvio-a-giudizio-per-il-procuratore-eugenio-facciolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *