Corruzione, indagato anche il giudice eroe, Umberto Rana

La Procura di Firenze ha iscritto il giudice Umberto Rana, presidente della Sezione fallimentare del tribunale, nel registro degli indagati assieme ad un avvocato e tre commercialisti per corruzione in atti giudiziari in concorso. E riportato oggi dalla stampa locale. Dopo il caso Duchini, con l’ex procuratore aggiunto accusata di corruzione, rivelazione di notizie e abuso d’ufficio.

Il giudice Rana che due anni fa salvò dalle coltellate di un imprenditore la collega Francesca Altrui, deve rispondere dell’accusa di corruzione in atti giudiziari in concorso con altri. Un nuovo troncone di indagine, nato da una segnalazione in relazione alla vicenda del fallimento della Gold di Franco e Giuseppe Colaiacovo, vicenda al centro del caso Duchini.

Il blitz dei carabinieri della sezione di polizia giudiziaria di Firenze e della guardia di finanza è scattato ieri mattina. I militari si sono presentati nell’ufficio del giudice, alla sede civile del tribunale in piazza Matteotti. Hanno sequestrato documenti e materiale elettronico (cellulari, computer e tablet). Nel complesso sarebbero una quindicina le persone che hanno subito perquisizioni.

I quattro professionisti indagati – secondo quanto ipotizzato dai pm fiorentini – sarebbero stati «incaricati – è scritto nell’atto di notifica – dal collegio fallimentare del tribunale di Perugia, presieduto dal magistrato suddetto nell’ambito di procedure fallimentari e di concordato preventivo pendenti presso tale ufficio giudiziario ed anche procedure concorsuali diverse, professionisti dei debitori presentatori delle domande di concordato preventivo». Indagati, sempre secondo i magistrati fiorentini, «in relazione alla ricezione da parte di Rana di utilità per sé e per gli altri per il compimento di atti contrari ai doveri d’ufficio quali le nomine dei predetti professionisti nell’ambito di procedure concorsuali oggetto di segnalazione da parte degli stessi e comunque in violazione del principio di rotazione degli incarichi e l’adozione di provvedimenti previamente concordati con i professionisti interessati».

Giudice indagato per corruzione, sentiti commercialisti e consulenti

Persone informate sui fatti. Professionisti, commercialisti per la maggior parte, ma anche consulenti del lavoro. Tutti coloro che potrebbero essersi visti non assegnare un incarico in una qualche procedura fallimentare affidata al collegio presieduto dal giudice, Umberto Rana, raggiunto giovedì da un avviso di garanzia emesso dalla Procura di Firenze. 
Il presidente della sezione fallimentare del tribunale civile di Perugia, noto alle cronache per aver salvato la collega, Francesca Altrui da un imprenditore che l’ha accoltellata, è stato iscritto nel registro degli indagati, insieme ad altri quattro professionisti per concorso in corruzione in atti giudiziari, corruzione e un tentativo di induzione indebita. Oltre Rana, difeso dall’avvocato fiorentino, Francesco Maresca, sono indagati l’avvocato Pierfrancesco Valdina, e i commercialisti, Patrizio Caponeri, Andrea Barbieri e Corrado Maggesi.

Rif: https://www.umbriajournal.com/cronaca/corruzione-indagato-anche-il-giudice-eroe-umberto-rana-333812/

Csm, Rossi non confermato alla Procura di Arezzo. Pesa la consulenza col governo Renzi

Un incarico aveto con il governo Letta ma poi proseguito con il nuovo esecutivo, anche dopo che i pm della sua Procura stavano indagando sul caso della Banca Etruria, nel cui consiglio di amministrazione c’era Pier Luigi Boschi, padre dell’ex ministro Maria Elena Boschi

on confermato nel suo ruolo alla guida della procura di Arezzo Roberto Rossi. In plenum al Csm passa con 16 voti, contro 4, e con un astenuto, la proposta di maggioranza della commissione per gli incarichi direttivi. Secondo la delibera – il relatore è Piercamillo Davigo – Rossi avrebbe compromesso «il requisito dell’indipendenza da impropri condizionamenti», almeno «sotto il profilo dell’immagine».

In base alle norme sull’ordinamento giudiziario i ruoli di vertice in un ufficio devono, dopo 4 anni, essere confermati, per altrettanti anni, dal Csm. La Quinta Commissione, dunque, aveva formulato due proposte al plenum: una per la non conferma di Rossi – votata in Commissione dai togati Davigo (A&I), Miccichè (MI), Suriano (Area) e dai laici Gigliotti (M5s) e Basile (Lega) – e una a favore della permanenza del magistrato nelle funzioni di capo della procura, sostenuta in Commissione dal solo togato di Unicost (la stessa corrente a cui appartiene Rossi) Marco Mancinetti.

Stando a quanto risulta, l’ostacolo sarebbe stato dipeso dall’aver proseguito l’incarico di consulenza con la Presidenza del Consiglio dei ministri, che gli era stato conferito con il governo Letta e confermato dal successivo esecutivo Renzi, anche dopo l’apertura dell’indagine su Banca Etruria. Un procedimento, questo, che riguardava il Cda di cui faceva parte Pierluigi Boschi, padre dell’allora ministro Maria Elena.

Nella stessa proposta di maggioranza, passata in plenum, si sottolineava che la vicenda dell’incarico con Palazzo Chigi avrebbe «compromesso il requisito dell’indipendenza da impropri condizionamenti, quantomeno sotto il profilo dell’immagine». Per questi fatti era stato avviato un procedimento disciplinare, concluso con l’archiviazione, tanto che nell’estate del 2016 il Csm decise di non avviare la procedura di trasferimento per incompatibilità.

Anche il Guardasigilli Alfonso Bonafede non aveva dato il suo «concerto» per la riconferma del magistrato nell’incarico di vertice dell’ufficio giudiziario aretino. Rossi lunedì aveva inviato al Palazzo dei Marescialli una memoria in cui parlava di un «clamoroso e sconcertante travisamento dei fatti».

Rif:https://www.ilsole24ore.com/art/csm-rossi-lascia-procura-arezzo-pesa-consulenza-col-governo-renzi-AC8YANu

Etruria: Csm non conferma Rossi a guida procura Arezzo

(ANSA) – ROMA, 24 OTT – Non confermato nel suo ruolo alla guida della procura di Arezzo Roberto Rossi. In plenum al Csm passa con 16 voti, contro 4, e con un astenuto, la proposta di maggioranza della commissione per gli incarichi direttivi.
    Secondo la delibera – il relatore è Piercamillo Davigo – Rossi avrebbe compromesso “il requisito dell’indipendenza da impropri condizionamenti”, almeno “sotto il profilo dell’immagine”. E questo per aver proseguito l’incarico di consulenza presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, che gli era stato conferito con il governo Letta e confermato dal successivo esecutivo, anche dopo l’apertura dell’indagine su Banca Etruria del cui consiglio di amministrazione faceva parte Pierluigi Boschi, padre dell’allora ministro Maria Elena. 

rif:http://www.ansa.it/toscana/notizie/2019/10/24/etruria-csm-non-conferma-rossi-a-guida-procura-arezzo_d7d7556a-c58d-4455-a62f-ae7882df6a5b.html

Omissioni su Etruria e Chigi costano il posto al pm Rossi

Omissioni su Etruria e Chigi costano il posto al pm Rossi

oberto Rossi non è più procuratore di Arezzo. La mancata comunicazione al Csm della sua consulenza a Palazzo Chigi anche con il governo Renzi, mentre indagava su banca Etruria, dove nel Cda sedeva Pier Luigi Boschi, padre dell’ex ministra Maria Elena (che a fine 2015 gli era valsa l’apertura di una pratica per incompatiblità ambientale […]

Rif:https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/10/25/omissioni-su-etruria-e-chigi-costano-il-posto-al-pm-rossi/5531935/

Arezzo, via il capo della Procura «Condotta non trasparente»

La decisione del Csm. Il caso dell’inchiesta Banca Etruria. Lui: «Ingiusto e infondato»

Arezzo, via il capo della Procura «Condotta non trasparente»

La delibera, approvata a larga maggioranza dal Csm (relatore Piercamillo Davigo), non dà adito a interpretazioni. Roberto Rossi, procuratore di Arezzo, il magistrato che ha coordinato le indagini su Banca Etruria, avrebbe compromesso «almeno sotto il profilo dell’immagine il necessario requisito dell’indipendenza da impropri condizionamenti» tenendo «una condotta non trasparente» anche «nelle informazioni rese al Csm». Un giudizio durissimo quello dell’organo di autogoverno dei giudici che ha determinato la non conferma di Rossi alla guida della procura aretina. La decisione è stata presa con 16 voti favorevoli, 4 contrari e con un astenuto. 

La difesa

Rossi, che ha sempre negato ogni contestazione, farà ricorso al Tar chiedendo la sospensiva del provvedimento. Ma intanto da oggi resterà ad Arezzo come semplice sostituto procuratore. Al suo posto il pm più anziano in servizio, Elisabetta Iannelli, che resterà procuratore in pectore sino al concorso e alla nomina del nuovo procuratore. 

L’accusa

Ma qual è l’episodio che, secondo il Consiglio superiore della magistratura, avrebbe compromesso il requisito dell’indipendenza? Quello di essere stato consulente del dipartimento Affari giuridici e legislativi della Presidenza del consiglio mentre indagava per bancarotta su Banca Etruria e su Pier Luigi Boschi, padre di Elena, allora ministro. Insomma secondo il Csm, Rossi avrebbe proseguito l’incarico di consulenza al dipartimento della Presidenza del Consiglio anche dopo l’apertura dell’indagine su Banca Etruria del cui consiglio di amministrazione faceva parte il padre di Maria Elena Boschi. Un comportamento dunque che avrebbe compromesso l’imparzialità del pm secondo il parere della maggioranza del Csm, condiviso anche dal ministero della Giustizia, il pentastellato Alfonso Bonafede, che in un documento aveva anche espresso un giudizio negativo sulle immagini della procura aretina su Banca Etruria. Una contestazione che Rossi respinge. «Ritengo la decisione del Csm ingiusta e infondata per più motivi — spiega al Corriere della Sera il magistrato —. Intanto perché la mia consulenza, come quella di altri colleghi, si era conclusa prima che io iniziassi le indagini su Banca Etruria. E poi perché né io né gli altri colleghi che avevano la consulenza con il Dipartimento affari costituzionali avevano riferimenti con figure politiche ma con un magistrato, capo del dipartimento, che chiedeva a noi pareri tecnici su alcune proposte di legge». Rossi ricorda inoltre che «la prima commissione del Csm luglio 2016 aveva avviato un primo procedimento conoscitivo finito con un’archiviazione».

Rif: https://www.corriere.it/cronache/19_ottobre_24/condotta-non-trasparente-arezzo-via-capo-procura-a83291f6-f69c-11e9-852d-8d5c113e41ca.shtml

Il Consiglio superiore della Magistratura non conferma Roberto Rossi alla guida della Procura

Il Consiglio superiore della Magistratura non conferma Roberto Rossi alla guida della Procura

Il procuratore Roberto Rossi non sarà più alla guida della Procura di Arezzo. Il suo incarico non è stato confermato.

“Il plenum del Consiglio superiore della magistratura – spiega in un lancio l’agenzia Adn Kronos – ha infatti, approvato a maggioranza, con 16 voti, la proposta della quinta commissione, relatore il togato Piercamillo Davigo contraria alla riconferma di Rossi”.

In quattro hanno votato a contro e uno – il vice presidente Davide Ermini – si è astenuto.

La proposta si basava sulla tesi che Rossi avrebbe compromesso “almeno sotto il profilo dell’immagine” il requisito “dell’indipendenza da impropri condizionamenti“. Come? Mantenendo l’incarico presso il Dipartimento affari giudiziari della Presidenza del Consiglio dei ministri nonostante fosse stata avviata un’inchiesta su Banca Etruria, nella quale Rossi avrebbe potuto indagare sul padre dell’allora ministro Maria Elena Boschi.

Secondo Davigo, in questa situazione non sarebbe stata tenuta  condotta “trasparente”. A Rossi è stato contestato anche il fatto che nelle informazioni rese al Csm su quella circostanza, non ci sarebbero state spiegazioni o accenni all’argomento.

In plenum la quinta commissione aveva portato anche un’altra proposta, favorevole alla riconferma di Rossi nell’incarico di procuratore, relatore il togato di Unicost Marco Mancinetti, che ha avuto solo quattro voti.

Rossi aveva anche depositato una sua memoria, di alcune pagine, nella quale ha cercato di dare risposte punto per punto alle tesi avanzate nella proposta. Un documento che non sarebbe stato sufficiente a smontare quanto sostenuto da Davigo.“

rif:http://www.arezzonotizie.it/cronaca/csm-non-conferma-rossi.html

Il Csm ha bocciato Roberto Rossi 16 voti contro il Procuratore

Il plenum del Consiglio superiore della magistratura si è espresso sul caso del Procuratore della repubblica Roberto Rossi. La maggioranza ha deciso che non deve essere più lui il Procuratore capo di Arezzo. Sedici i voti contrari, quattro quelli favorevoli. Il vice presidente David Ermini si è astenuto.

La decisione è giunta prima delle 15 dopo la trattazione della pratica, rinviata mercoledì 23 ottobre per approfondire la memoria presentata dal magistrato. E’ passata quindi la linea sostenuta da Pier Camillo Davigo nella quinta commissione e cioè che le condotte di Rossi, in relazione alla vicenda Banca Etruria, avrebbero fatto venir meno i requisiti per continuare nella funzione di Procuratore capo.

Adesso il dottor Roberto Rossi, 60 anni, di Assisi, dal 1997 ad Arezzo, procuratore dal 2014, può fare ricorso al Tribunale amministrativo regionale. La Procura di Arezzo va verso una reggenza con il sostituto procuratore più anziano come servizio, la dottoressa Elisabetta Iannelli.

Secondo Davgo “almeno sotto il profilo dell’immagine” sarebbe venuto meno il requisito “dell’indipendenza da impropri condizionamenti” da parte del dottor Rossi. Rossi aveva replicato con puntualità e riscontri oggettivi alle accuse, ma questo non è bastato a smuovere la linea, rigidissima, del Csm.

Rif:https://corrierediarezzo.corr.it/news/cronaca/1213423/il-csm-ha-votato-contro-roberto-rossi-16-voti-contro-non-sara-piu-il-procuratore.html

Etruria, il Csm non conferma il pm del caso Boschi Sr

Etruria, il Csm non conferma il pm del caso Boschi Sr

Roberto Rossi non è stato confermato alla guida della procura di Arezzo

Etruria: Csm non conferma Rossi a guida procura Arezzo

Roberto Rossi non e’ stato confermato alla guida della procura di Arezzo. Lo ha deciso il plenum del Csm, a maggioranza: sedici i voti a favore della non conferma nell’incarico direttivo, 4 per la proposta sulla riconferma, mentre si e’ astenuto il primo presidente della Cassazione Giovanni Mammone. Nella delibera approvata in plenum, si ponevano in rilievo i fatti, risalenti al 2015, quando Rossi aveva in essere una consulenza giuridica con la presidenza del Consiglio e, nello stesso tempo, aveva assunto il coordinamento delle indagini su Banca Etruria, del cui Cda faceva parte Pier Luigi Boschi, padre dell’allora ministro Maria Elena Boschi. Anche il Guardasigilli Alfonso Bonafede non aveva dato il suo ‘concerto’ per la riconferma del magistrato nell’incarico di vertice dell’ufficio giudiziario aretino.

In base alle norme sull’ordinamento giudiziario, infatti, i ruoli di vertice in un ufficio devono, dopo 4 anni, essere confermati, per altrettanti anni, dal Consiglio superiore della magistratura. La Quinta Commissione, dunque, aveva formulato due proposte al plenum: una per la non conferma di Rossi – votata in Commissione dai togati Davigo (A&I), Micciche’ (MI), Suriano (Area) e dai laici Gigliotti (M5s) e Basile (Lega) – e una a favore della permanenza del magistrato nelle funzioni di capo della procura, sostenuta in Commissione dal solo togato di Unicost (la stessa corrente a cui appartiene Rossi) Marco Mancinetti. Nella proposta di maggioranza, oggi passata in plenum, si sottolineava che la vicenda dell’incarico con Palazzo Chigi avrebbe “compromesso il requisito dell’indipendenza da impropri condizionamenti, quantomeno sotto il profilo dell’immagine”. Per questi stessi fatti, era stata avviata un’indagine disciplinare, conclusa con l’archiviazione, e il Csm, nell’estate del 2016, aveva deciso di non avviare la procedura di trasferimento per incompatibilita’.

Rif:http://www.affaritaliani.it/cronache/etruria-il-csm-non-conferma-il-pm-del-caso-boschi-sr-633404.html

Il Csm non conferma Roberto Rossi alla guida della Procura di Arezzo

Per aver proseguito l’incarico di consulenza presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, anche dopo l’apertura dell’indagine su Banca Etruria del cui cda faceva parte Pierluigi Boschi, padre dell’allora ministro Maria Elena

Non confermato nel suo ruolo alla guida della procura di Arezzo Roberto Rossi. In plenum al Csm passa con 16 voti, contro 4, e con un astenuto, la proposta di maggioranza della commissione per gli incarichi direttivi. Secondo la delibera – il relatore è Piercamillo Davigo – Rossi avrebbe compromesso «il requisito dell’indipendenza da impropri condizionamenti», almeno «sotto il profilo dell’immagine». E questo per aver proseguito l’incarico di consulenza presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, che gli era stato conferito con il governo Letta e confermato dal successivo esecutivo, anche dopo l’apertura dell’indagine su Banca Etruria del cui consiglio di amministrazione faceva parte Pierluigi Boschi, padre dell’allora ministro Maria Elena. Rossi lunedì aveva inviato al Palazzo dei Marescialli una memoria in cui parla di un «clamoroso e sconcertante travisamento dei fatti».

Rif:https://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/19_ottobre_24/csm-non-conferma-roberto-rossi-guida-procura-arezzo-f6e740e4-f660-11e9-8ac8-30ed6067f179.shtml